Pacemaker del dolore - che cos'è una stimolazione epidurale del midollo spinale?

Se il mal di schiena non scompare e diventa cronico, anche dopo essere stati trattati con i moderni trattamenti, un cosiddetto pacemaker del dolore entra in gioco ed è in grado di fornire sollievo in modo permanente. Di che si tratta? Con stimolazione del midollo spinale, impulsi delicati inibiscono la trasmissione del dolore al cervello. Questa procedura chirurgica mini invasiva, è ben consolidata nella terapia del dolore ed esiste da oltre 30 anni. Circa 1.500 pazienti vengono trattati con questo metodo ogni anno in Germania. 

La procedura ha un nome: "Stimolazione epidurale del midollo spinale". È di gran lunga la forma più comune di neurostimolazione. Il metodo prevede l'introduzione di uno o più elettrodi nello spazio epidurale e l’amministrazione di corrente elettrica attraverso i contatti degli elettrodi. Gli elettrodi sono collegati al cosiddetto neurostimolatore o neuromodulatore, che si trova sotto la pelle addominale. Il contatto tra gli elettrodi e il neurostimolatore porta alla stimolazione delle parti posteriori del midollo spinale e il paziente nota quindi una piacevole "sensazione di formicolio", esattamente dove avvertiva un forte dolore. In questa terapia, in cui gli impulsi elettrici prevengono o alleviano la sensazione di dolore, nessun nervo viene danneggiato. Inoltre, con un solo movimento della mano, il paziente può accendere e spegnere il dispositivo, nonché regolare la forza per ottenere la stimolazione desiderata. Chiunque abbia mai sofferto di dolore cronico sa che il dolore può spesso portare alla depressione - alcune persone non sono più in grado di esercitare la propria professione. Questa procedura rende ora possibile un sollievo duraturo dal dolore, rinnovando la qualità della vita del paziente.

 

Quando è consigliata questa stimolazione del midollo spinale?

Questa procedura è consigliata soprattutto se i metodi conservativi non sono stati di aiuto. È usato principalmente per il dolore cronico, spesso accompagnato da dolore radiante originato da cambiamenti sfregiati dopo un intervento chirurgico al disco (sindrome post laminectomia).

Il metodo è anche annunciato dalla cosiddetta Sindrome Dolorosa Regionale Complessa I e II (CRPS / morbo di Sudeck), nella malattia occlusiva delle arterie periferiche (PAOD, dolore ai nervi nei disturbi circolatori delle gambe) e nell´estremamente dolorosa polineuropatia diabetica e dolore fantasma agli arti. Se i dolori cardiaci al petto e alle braccia, dovuti a disturbi circolatori (angina pectoris), non sono più curabili dal punto di vista cardiologico, la stimolazione potrebbe essere utile. I pazienti con emicrania e herpes zoster (nevralgia posterpetica - più comunemente fuoco di sant´Antonio) dopo essere stati trattati con la stimolazione del midollo spinale, riportano un significativo sollievo dal dolore e un sorprendente miglioramento della loro qualità di vita. Dopo un´ernia del disco con il coinvolgimento dei nervi delle braccia o delle gambe, dopo l'intervento chirurgico delle vene varicose e intervento per ernia inguinale, la stimolazione epidurale del midollo spinale potrebbe essere un trattamento altamente consigliabile.

Chirurgia - la terapia del dolore inizia con un'intervista di anamnesi

L'intera procedura intorno a questa terapia del dolore è composta da diverse sezioni. Inizia con un esatto esame neurologico-ortopedico e un'intervista intensiva e approfondita sull'anamnesi. Dobbiamo chiarire esattamente dove sono le cause del reclamo e, se tale neurostimolazione possa risultare significativa o efficace. Ciò include ulteriori esami di imaging come risonanza magnetica e / o TC sulla colonna vertebrale. Se ci rendiamo conto che la neurostimulazione potrebbe esserti utile per migliorare le tue condizioni, ovviamente te la consiglieremmo.

Il passo successivo è eseguito non solo per garantire la tua sicurezza, ma anche per verificare se questo tipo di stimolazione è efficace o meno, il che significa: eseguiamo una cosiddetta stimolazione di prova. Durante questo test, esamineremo se c'è una riduzione significativa del dolore, se prendi farmaci, se ti senti bene e se riesci a gestire meglio la tua vita quotidiana. Come si svolge questa prova? Sotto anestesia locale e attraverso una piccola incisione a livello della colonna vertebrale medio toracica, piccoli elettrodi sono posizionati sullo strato esterno del midollo spinale e le radici nervose utilizzando una speciale puntura. Questa procedura è percutanea, cioè attraverso la pelle.

Durante il test, il neurostimolatore, il dispositivo che successivamente dovrebbe impostare impulsi, rimane fuori dal tuo corpo, ma ovviamente collegato agli elettrodi. Verificheremo la sua efficacia per 2-10 giorni in clinica. Poi dovrai andare a casa per un paio di giorni e verificare come funziona nella vita di tutti i giorni; se il dolore effettivamente si riduce. Se si sente il sollievo subito dopo una settimana (almeno il 50% e si prendono meno farmaci), vieni di nuovo a noi e prepareremo tutto per un impianto permanente. Se durante la fase di test non si riscontra alcun miglioramento, rimuoveremo gli elettrodi perché evidentemente non sono adatti al caso.

Sotto anestesia generale, il generatore d’impulsi - simile ad un pacemaker - viene impiantato sotto il tegumento addominale, collegato agli elettrodi, e impostato al livello che ha dato i risultati migliori durante il test. Dopo la procedura, riceverai un telecomando per lo stimolatore, con il quale puoi regolare in qualsiasi momento lo stato di dolore o formicolio. Questo neurostimolatore è alimentato da una batteria che dura alcuni anni (2-9 anni) e che può essere successivamente sostituita. Gli effetti collaterali negativi della neurostimolazione non sono noti.

 

 

Subito dopo l'operazione

Naturalmente dovrai riposare qualche giorno, infatti durante il tuo ricovero gli effetti collaterali prematuri possono essere trattati in anticipo e i parametri di stimolazione raffinati.

Giorni post-operativi

Il primo giorno post-operatorio ti è permesso di alzarti e camminare. Nei prossimi giorni saranno impostati i parametri e il personale qualificato ti aiuterá fin quando non avrai familiarizzato con il dispositivo (telecomando).

Vantaggi/complicazioni - il tasso di successo della terapia del dolore è dell'85%!

Prima scegli la neurostimolazione, più efficace sarà. In termini di numeri, l'85% dei pazienti che hanno sofferto per due anni ha riportato buoni benefici dopo questo trattamento. Se la durata del dolore è stata superiore a 15 anni, la percentuale di successo è ridotta al 9%. Oltre il 50% di tutti i pazienti beneficia della neurostimolazione. Questa terapia del dolore offre il vantaggio di un rapido recupero, soprattutto perché è una procedura mini invasiva minimamente. Inoltre, dovrai ridurre la quantità di antidolorifici. E: dopo essere stato curato in clinica è possibile impostare l'intensità della stimolazione da soli.

La scheda dell'impianto deve essere sempre a portata di mano. È necessario presentarlo se si desidera superare le cosiddette barriere magnetiche, ad esempio all'aeroporto. Importante: Seguite i consigli del vostro specialista ed evitate, almeno all´inizio, di compiere movimenti aggressivi che possono causare lo scivolamento degli elettrodi con una conseguente perdita dell´effetto.

Dott. med. Munther Sabarini

Autore
Dott. med. Munther Sabarini
Specialista in Neurochirurgia

Hans-Heinrich Reichelt

Coautore
Hans-Heinrich Reichelt
Capo redattore di Medizin für Menschen

La Clinica Avicenna di Berlino è felice di aiutarti

Dal 2000, la Clinica Avicenna ha sede a Berlino. I nostri medici hanno almeno 25 anni di esperienza internazionale nei rispettivi settori (neurochirurgia, chirurgia spinale, anestesia e ortopedia).

Se soffri di forti dolori alla schiena, un’ernia del disco potrebbe essere una delle cause! Contattaci subito utilizzando le seguenti informazioni:

Clinica Avicenna
Paulsborner Str. 2
10709 Berlino

Telefono: +49 30 236 08 30
Fax: +49 30 236 08 33 11
E-mail: info@avicenna-klinik.de

Puoi chiamare in qualsiasi momento, scrivere un'e-mail o compilare un modulo di contatto per essere richiamato. Ogni paziente riceve quindi un appuntamento con un medico della nostra clinica, che è in ogni caso uno specialista della colonna vertebrale (neurochirurgo). In conformità a immagini MRI (portate o realizzate nella nostra clinica) e di un esame approfondito, il medico discuterà con voi tutte le diverse opzioni terapeutiche o eventualmente l'intervento chirurgico. Puoi anche usare i nostri specialisti solo per ottenere un (secondo) parere.

Se decidi di eseguire la terapia e / o la chirurgia a Berlino, vogliamo rendere il tuo soggiorno il più piacevole possibile. Nella nostra clinica, sei al centro della nostra attenzione! Puoi aspettarti attrezzature all'avanguardia in tutte le aree, dalla sala operatoria alla camera da letto del paziente.

Le procedure di trattamento più recenti, delicate e mini invasive sono un punto di forza della nostra clinica. Insieme cerchiamo di trovare un trattamento adeguato per i tuoi disturbi. La terapia effettiva si svolge solo dopo una discussione dettagliata con il paziente, gli esami e la diagnostica.

Per noi, importante quanto l'assistenza medica, è l'impegno che prendiamo per garantire ai nostri pazienti un alto livello di assistenza personale che può, a sua volta, garantire loro un soggiorno confortevole.

Durante il periodo di degenza il nostro team d´infermieri si prenderà cura di te 24 ore al giorno. Offrono anche servizi in diverse lingue straniere, tra cui inglese, arabo, bulgaro, russo, polacco e francese. Ci preoccupiamo non solo della tua sicurezza, ma anche delle tue esigenze, nel rispetto delle tradizioni e delle religioni.

Il nostro team è composto di un gruppo di specialisti molto qualificati che lavorano insieme per garantirti una rapida guarigione.